Scavi e cantieri archeologici di Soleto (Italia)

 drapeau France

Thierry VAN COMPERNOLLE dell’ Università Paul-Valéry Montpellier III (membro di C.R.I.S.E.S.) é a capo della direzione scientifica e amministrativa degli scavi e delle ricerche archeologiche in concessione a Soleto (provincia di Lecce).

I risultati della campagna degli scavi archeologici possono essere consultati sul sito della rivista scientifica on-line FastiOnline, Roma.

Pubblicazione principale :

– Topografia e insediamenti nella Messapia interna. Ricerche e studi storico-archeologici a Soleto (Lecce) e nel territorio / Thierry Van Compernolle, prefazione di Maurizio Paoletti, Edizioni ETS, Pisa, 2012, 128 p., 10 tavole fuori dal testo.

3310

Presentazione Editor :
Gli scavi archeologici e le ricerche topografiche, condotti dal 1991 ad oggi a Soleto (Lecce) e nel suo territorio, consentono ormai di ricostruire un quadro diacronico degli assetti insediativi di quest’area della Messapia interna. Risultano evidenti i lineamenti del processo di formazione di una singola comunità per l’impulso di gruppi gentilizi, condizionati fino ad età classica nella scelta dei siti sparsi dei loro nuclei abitativi dalle condizioni ambientali. Un processo che raggiunge il suo apice poco dopo la metà del IV secolo a. C. in una fase di più radicale trasformazione dell’abitato, caratterizzata, oltre che dall’edificazione delle mura, da ampie opere di livellamento e terrazzamento associate ad una frenetica attività edilizia. Tuttavia questo sviluppo trova i suoi limiti nell’atteggiamento assai conservatore dei gruppi familiari, aperti a ricevere impulsi dal mondo ellenico ma sempre in maniera molto selettiva. Infatti dall’analisi di tutti i tipi di contesti emerge il primato del privato sul pubblico. Di particolare rilievo il caso del rapporto fra vivi e morti, nel cui ambito, dall’analisi dei sepolcreti, delle deposizioni funebri e dei relativi rituali, viene delineandosi una convivenza più stretta fra vivi e morti di quanto si pensasse. Questa forte identità culturale e comunitaria rimane intatta sotto il dominio romano fino all’ annientamento della comunità a conclusione della seconda guerra punica. Il territorio, entrato a far parte dell’ager publicus e sfruttato per iniziative private secondo modi e con impianti nuovi, quali la villa rustica di Fondo Paparusso, viene poi inserito nel reticolo catastale della centuriazione di Lupiae. Si possono seguire le evoluzioni di questo mondo agrario, assai periferico, fino alla fondazione, in età normanna, di un casale fortificato da cui trae origine l’odierna Soleto. Unico elemento di indubbia continuità è il toponimo, la cui prima attestazione si troverebbe sull’ostrakon detto ‘Mappa di Soleto’, nella forma abbreviata SOL.

 

Nel 2003, l’archeologo e storico di Montpellier ha scoperto quella che potrebbe essere la cartina più antica d’Italia incisa su di un frammento di ceramica. Questa cartina è conosciuta con il nome di Mappa di Soleto. Una perizia d’autenticità è in corso in un laboratorio specializzato in analisi non invasiva, ovvero senza prelevamento.

Il 22 agosto 2008, il sindaco di Soleto, il Dottor Elio Serra, ha conferito a Thierry Van Compernolle la cittadinanza d’onore, «  per aver dato lustro a Soleto, per averlo fatto conoscere al mondo attraverso la scoperta della « Mappa » alla quale ha dato il nome del paese, ma, soprattutto, perchè gli ha fatto riscoprire le sue origini, poiché lui ne conosce ogni pietra e ogni piega (anfrattuosità) … »

Attività programmate :

– Conferenza all’Univiersità di Siena (12aprile 2011)

– Campagna di scavi archeologici (agosto20111) : Fondo Paparusso

– Collaborazione scientifica per la realizzazione di un parco archeologico di Fondo Fontanela (Comune di Soleto)

– Conferenza pubblica a Soleto (3 ottobre 2011)

– Attività didattiche della Scuola elementare (17 aprile2012) e della Scuola Media di Soleto (18 aprile 2012).

 

 

Les commentaires sont fermés.